fbpx Skip to content

Chi Siamo

Il Camel Dive Club & Hotel a Sharm El Sheikh è un Instructor Development Dive Resort 5* PADI progettato come una struttura integrata, ideale per una perfetta vacanza subacquea in Mar Rosso:

 
La nostra storia

Il 2021 è l’anno del nostro trentacinquesimo anniversario. Questo è un traguardo importantissimo per ogni azienda e siamo molto orgogliosi di essere arrivati sin qui. Fondato nel 1986, siamo uno dei pochi centri di immersione a Sharm el Sheikh che si trova ancora nella stessa location originaria, nel centro di Naama Bay.

L’idea del Camel Dive Club è nata quando il suo fondatore, Hesham Gabr, visitò Naama Bay per la prima volta con alcuni amici, all’inizio degli anni ’80. Ispirato dallo stile di vita dei pionieri della subacquea del Sinai, il progetto culminò nell’apertura del Camel Dive Club, nel 1986.

Il Camel Dive Club delle origini consisteva in un modesto edificio in pietra di un piano, con un cortile adornato dalle palme (il centro immersioni), alcune capanne di paglia (l’hotel), una cisterna per l’acqua e un compressore.

La maggior parte delle immersioni a Sharm el Sheikh negli anni ’80 si svolgeva da riva, a piedi o in jeep. La costa era quasi totalmente deserta. I siti di immersione di Ras Nasrani, White Knight e Tower, ora sede di resort di lusso, erano tra i più famosi per le immersioni dalla riva.

 

Da tranquillo villaggio di pescatori a resort per immersioni di fama mondiale

Naama Bay venne “scoperta” dai pionieri delle immersioni negli anni ’70 e divenne presto famosa per la sua baia sabbiosa riparata dai venti e per la barriera corallina incontaminata che la circonda. Alcuni dei pionieri arrivati qui decisero di rimanere e costruire centri di immersione lungo la spiaggia. I rari subacquei che visitavano questa zona in vacanza erano anch’essi dei pionieri, poiché le condizioni logistiche a quel tempo erano molto basiche. La disponibilità di cibo fresco era limitata e i pasti erano principalmente a base di pesce – grigliato, fritto, al forno – seguito da altro pesce! Ancora intorno alla metà degli anni ’80, quella che oggi è la vivace Naama Bay era poco più che una distesa di sabbia. Insieme ai centri sub, le uniche strutture turistiche della zona erano due hotel: il Marina Sharm, costruito negli anni ’70 e il Movenpick Jolie Ville, proprio di fronte alla spiaggia.

I tre decenni e mezzo intercorsi hanno portato enormi cambiamenti. Sharm el Sheikh si è trasformata da un tranquillo villaggio di pescatori in un sofisticato resort turistico, con un proprio aeroporto internazionale che offre voli charter giornalieri e una ricca scelta di hotel di lusso che si estendono per circa 30 km. Naama Bay è il cuore pulsante di Sharm, con una vasta gamma di negozi e ristoranti che servono cucina locale e internazionale. I giorni in cui la cucina era limitata a piatti di pesce, sono ormai lontani.

 

Pionieri della protezione ambientale

Nonostante lo sviluppo del turismo abbia inevitabilmente lasciato un segno sull’ambiente, molto presto ci si è resi conto che le bellezze naturali di questa zona avevano bisogno di essere protette. Nel 1983 Ras Mohammed e lo Stretto di Tiran furono entrambi dichiarati Parchi Nazionali, coprendo un’area di 480 km², inclusi 135 km² di superficie terrestre e 345 km² di superficie subacquea. Il divieto di pesca e di qualsiasi sviluppo urbano si sono poi estesi all’installazione di un sistema di ormeggi fissi per proteggere la barriera corallina, oltre che all’introduzione di rigide regole generali per le immersioni, come il divieto a toccare e collezionare pesci e coralli, utilizzare coltelli, guanti e dar da mangiare ai pesci.

Le immersioni subacquee a Sharm El Sheikh sono ancora tra le migliori al mondo grazie all’impegno della comunità locale che collabora con il governo per educare e preservare il questo angolo unico del Mar Rosso. Sono pochissime le mete di immersione così vicine all’Europa che offrono acqua calda tutto l’anno, sole, abbondante vita marina e un’enorme varietà di siti di immersione facilmente accessibili, da drop-off di 800 m ad altopiani sabbiosi e relitti come il SS Thistlegorm, il Dunraven, il Million Hope e il Kormoran.

Il Camel oggi

Anche il Camel Dive Club è cresciuto negli ultimi 35 anni. Ora è un PADI 5* Instructor Development Dive Resort (rimangono i muri di pietra originali del diving center). Il Camel Hotel ha sostituito le capanne di paglia, insieme al nostro ristorante, caffetteria e due bar. Il Camel Dive Club & Hotel si trova ancora oggi nel cuore della zona pedonale di Na’ama Bay.

Secondo Hesham Gabr, proprietario e fondatore del Camel Dive Club, “Sharm el Sheikh e il Camel Dive Club sono cambiati enormemente negli ultimi 35 anni, ma la filosofia del Camel è sempre la stessa. Da veri subacquei, ci siamo sempre concentrati sul fornire ciò di cui i subacquei hanno bisogno: strutture di alta qualità, guide esperte e amichevoli e immersioni indimenticabili. Questo non cambierà mai”.

Camel Dive Club and Hotel a Sharm El Sheikh

Inviaci una richiesta qui

Faremo del nostro meglio per risponderti entro 24h



    Date di viaggio

    Vuoi soggiornare al Camel Hotel per subacquei?
    NoSi



    Hai necessità di una camera accessibile in carrozzina?
    NoSi



    Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Chiave.

    Camel Dive Club and Hotel in Sharm El Sheikh

    Enquire Here

    We will do our best to reply within 24 hours



      Date di viaggio

      Vuoi soggiornare al Camel Hotel per subacquei?
      NoSi



      Hai necessità di una camera accessibile in carrozzina?
      NoSi



      Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Stella.